Spedizione gratuita a partire da 129€, altrimenti solo 6,90€

Primiere Pinot Grigio Riserva Trentino DOC - Linea Cru - Cesconi

25,00 €
Disponibile e in pronta consegna
Anno: 2018

Scheda prodotto

Scheda prodotto
Tipologia vinoVino Bianco
Formato (Litri)0.75
UvePinot Grigio 100%
Zona di ProduzionePrimiere nasce dalla nostra voglia di esaltare la vocazione della zona collinare di Pressano nel valorizzare l'unicità delle proprie uve. Questo Pinot grigio proviene da un singolo appezzamento che si trova all’interno dei vigneti che circondano l’azienda. Il topomimo del fondo è Primiere. Le vigne di 20 anni sono coltivate a guyot con una densità di 7000 piante per ettaro con esposizione sud-ovest. La collina di Pressano è un’area ben ventilata e gode di un clima continentale. I terreni sono composti da rocce sedimentarie ricche di calcare. Un tipo di suolo noto come strati del Werfen originatosi 260 milioni di anni fa che conferisce al vino una notevole dotazione minerale che persiste nel lungo finale.
VinificazioneLe uve, raccolte a mano, sono accuratamente selezionate. Viene fatta una macerazione in assenza di ossigeno (riduzione) per circa 12 ore e la parte finale della pressatura é svolta in ossidazione per favorire la precipitazione dei tannini. Il contatto prolungato delle bucce con il mosto conferisce al vino il suo aspetto ramato e maggiore complessità al gusto. La fermentazione inizia in acciaio e termina in barrique, dove soltanto il 10% è composto da legni nuovi. Qui il vino rimane sui propri lieviti per 9 mesi, durante i quali svolge anche la fermentazione malolattica. Primiere viene imbottigliato durante l'autunno sucessivo alla vendemmia e l'affinamento si protrae per altri 6 mesi.
Altre curiosità

Questa antica mutazione del Pinot Nero, dalla buccia rossastra è giunta in Italia dalla Francia ad inizio del 1800. Come tutte le uve che fanno parte della grande e aristocratica famiglia dei Pinot, anche il Pinot Grigio ha un grappolo molto compatto, che richiama alla memoria la forma di una pigna, da cui prende il nome. Avendo queste caratteristiche, rispetto ad altre varietà, richiede molte attenzioni e cure in campagna, prediligendo vigneti ben ventilati e freschi.

Descrizione produttore

I nostri vigneti sono suddivisi tra le colline di Pressano, a nord della città di Trento, e la Valle dei Laghi, nelle vicinanze del Lago di Garda: zone molto diverse tra loro dal punto di vista climatico, geologico, morfologico e naturalistico.

Sulla collina di Pressano i vigneti sono situati ad un'altezza che varia dai 300 ai 500 m, dove il clima continentale offre escursioni termiche marcate fra giorno e notte. I terreni derivano dalla disgregazione di una roccia la cui genesi risale a centinaia di milioni di anni. Questi suoli hanno il pregio di essere molto profondi, fertili e caratterizzati da una notevole dotazione minerale. Qui coltiviamo soprattutto le varietà a bacca bianca, unica eccezione il Lagrein.

In Valle dei Laghi il clima è Mediterraneo, mitigato dall’Ora il vento che soffia puntuale dal Lago di Garda. Nel vigneto Prabi, caratterizzato da suoli con molta sabbia di origine alluvionale, coltiviamo il Manzoni Bianco. Nel vigneto Pivier, su suoli ricchi di argilla e limo, Merlot e Cabernet Franc.

La volontà di produrre vini che siano autentica espressione del territorio, ha rinnovato la nostra attenzione per il vigneto e il suo ecosistema.

Dall’esperienza è nata la convinzione di eliminare l’utilizzo di tutti i prodotti chimici di sintesi. Osservando la natura siamo da tempo arrivati alla conversione biologica di tutti i nostri vigneti, e recentemente all’avvicinamento alla biodinamica, al fine di migliorare ulteriormente la qualità delle uve, dei vini e del nostro lavoro.

La prospettiva e gli obbiettivi sono cambiati: l'ascolto e l'osservazione sono diventati la chiave per interpretare al meglio le unicità della materia vivente che dobbiamo gestire e accompagnare verso la bottiglia. Dietro ad ogni scelta la consapevolezza che una vite robusta e sana, con radici ampie e profondamente sviluppate in un terreno aerato e vivo, produce un'uva che è la massima espressione di quel vigneto e di quell'annata. A noi il ruolo di custodi, con il compito di intervenire nei momenti cruciali del processo produttivo in maniera non invasiva ma efficace.